S.C.I.A : eseguila con Steag (seconda parte)

Se nel precedente post (SCIA-prima parte) erano state affrontate le tematiche connesse alla SCIA ed alla sua esecuzione, ora saranno affrontate le possibili risposte che potrebbe fornire il SUAP del Comune di pertinenza (Roma) con la relativa tempistica.

DOPO LA PRESENTAZIONE DELLA SCIA: LE POSSIBILI RISPOSTE DEL SUAP

Dopo l’invio della pratica SCIA, l’utente riceve:

1. IMMEDIATAMENTE

Una ricevuta di avvenuta consegna, che viene generata e inviata automaticamente dal sistema di posta elettronica certificata; l’emissione della ricevuta di consegna prescinde quindi dall’effettuazione di un qualsiasi esame da parte degli addetti comunali.

2. SUCCESSIVAMENTE, DOPO L’ISTRUTTORIA DI FRONT-OFFICE:

Una mail di riscontro circa l’esito della verifica di completezza formale operata dall’Ufficio di ricevimento della SCIA; al momento della loro presentazione, le SCIA sono sottoposte al solo controllo formale da parte dell’Ufficio Ricevimento preposto alle funzioni di front-office; l’esame della pratica è volto ad individuare le eventuali informazioni e/o allegati indispensabili mancanti, così come la presenza della sottoscrizione digitale della pratica.
In caso di esito favorevole, viene inviata una mail di riscontro positivo verso la casella PEC di domiciliazione indicata, al cui interno sono contenuti in allegato i files di cui la pratica SCIA si compone e sono riportati la denominazione dell’impresa, fattispecie oggetti della SCIA e gli estremi di protocollazione utili per la tracciabilità.

Se la mail ancora non è arrivata?

In attesa della mail di riscontro positivo, ai sensi dell’art. 5, commi 4 e 6 del D.P.R. n. 160/2010 E’ VALIDA, ai fini della decorrenza dei termini di legge per l’avvio dell’attività, la ricevuta di avvenuta consegna di cui al punto 1.
In caso di esito negativo, a causa della trasmissione di una pratica SCIA incompleta o non correttamente compilata, viene inviata – verso la casella PEC di domiciliazione indicata – una mail di riscontro negativo.
La mail contiene in allegato i files di cui la pratica SCIA si compone, nonché la comunicazione di irricevibilità, nel cui testo sono indicati i motivi di incompletezza o non correttezza che rendono inefficace la pratica presentata e impongono di ripresentarla, impedendo al contempo di dare avvio a quanto oggetto di dichiarazione.

A titolo esemplificativo, possono costituire motivo di incompletezza la carenza di indicazioni riguardo la fattispecie precisa dell’attività oggetto di segnalazione, la mancata indicazione dell’ubicazione della stessa, l’assenza della codifica ATECO, l’assenza delle schede aggiuntive 1/2/3/4/5/6 qualora previste dall’attività, oppure l’assenza della planimetria richiesta, . Potrebbe costituire motivo di non corretta presentazione la mancata sottoscrizione della pratica tramite dispositivo di firma digitale “forte”.

DA SAPERE

In generale, riguardo la SCIA e le responsabilità connesse:

– le SCIA complete e correttamente presentate al SUAP vengono trasmesse agli enti di controllo (ad esempio ASL, ARPA etc.) per le verifiche di rispettiva competenza. In tal modo, l’intervento dei suddetti enti si sposta da un’azione di verifica preventiva su attività e strutture non ancora avviate (come avveniva in passato, ad esempio con il rilascio finale dell’autorizzazione sanitaria) ad una verifica successiva, su aziende e imprese che si trovano già in esercizio in ragione del fatto che è avvenuta la presentazione di una SCIA ricevibile e quindi efficace.

– le responsabilità legali connesse al rilascio di autocertificazioni e dichiarazioni sostitutive sono a carico del dichiarante. Pertanto è estremamente importante compilare la SCIA in maniera non solo completa e corretta, ma anche nella consapevolezza del fatto che le dichiarazioni mendaci comportano la denuncia all’autorità giudiziaria, con possibili conseguenze penali a carico dello stesso dichiarante.

– lo svolgimento dell’attività in maniera difforme da quanto dichiarato può comportare l’adozione di provvedimenti sanzionatori e inibitori (sanzioni pecuniarie, ordini di adeguamento/conformazione e, nei casi più gravi, divieto di prosecuzione dell’attività con relativa chiusura).

Se ti affidi a Steag cosa cambia?

Per quanto detto sopra, il forte rischio di eventuali ripercussioni pratiche e penali, deve far si che ci si rivolga a dei professionisti in questo settore in modo tale che la compilazione dei moduli e l’invio degli allegati sia il più possibile corretto e completo. Steag risponde alle tue esigenze garantendoti una corretta compilazione delle pratiche per la tua attività, a prezzi modici ed in tempi brevi. Non esitare a contattarci per chiarimenti ed informazioni.

Luca Calvitti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *