il pacchetto all inclusive prima del rogito!

Tutto incluso, PREZZO FINITO!
Escluse spese per il Comune!

Richiedi preventivo senza impegno! Compila il form a fine pagina!

Pratica edilizia CILA +

Aggiornamento planimetria catastale +

Attestato di prestazione energetica APE

Cosa offre il nostro servizio

Steag.it ti offre la CILA in sanatoria rapidamente e senza pensieri. Se la planimetria della tua casa non è conforme allo stato attuale e sei in fase di compravendita, otterrai la regolarizzazione urbanistica del tuo immobile e una nuova planimetria catastale.
L’attestato di prestazione energetica APE è incluso nel prezzo!

  • Sopralluogo GRATUITO

    Sopralluogo e rilievo con un nostro tecnico abilitato SONO GRATUTI e senza impegno!

  • Redazione pratica

    Predisposizione della pratica edilizia presso il Municipio di competenza

  • Attestato di Prestazione Energetica APE in OMAGGIO

    Realizzazione dell’ex certificato energetico oggi Attestato di Prestazione Energetica è  in omaggio!

  • Aggiornamento catastale

    Realizzazione e deposito della nuova planimetria catastale

950 €

diritti di istruttoria ed eventuali sanzioni sono esclusi

10gg

dal sopralluogo

CASA OK – il pacchetto all inclusive di Steag.it

Cos’è e a cosa serve CILA in sanatoria?

La CILA Comunicazione Inizio Lavori Asseverata in sanatoria, è una pratica edilizia semplificata idonea a regolarizzare le difformità distributive interne delle unità immobiliari ed in generale gli interventi riconducibili alla  “manutenzione straordinaria”.

Esistono diverse tipologie di interventi sanabili con questo strumento, in particolar modo se facciamo riferimento a contesti di compravendita immobiliare, nella maggior parte dei casi ci troveremo di fronte a difformità interne all’appartamento, quali tramezzature, spostamento della cucina, creazione di un nuovo bagno, creazione di nuove camere.

L’ambito di applicazione della CILA in sanatoria , è stato recentemente ampliato grazie al cosiddetto decreto “sblocca Italia” L. 164/2014, di conversione del D.L. 133/2014, che ha introdotto la possibilità di realizzare in CILA anche interventi di frazionamento e fusione di unità immobiliari, nonché accorpamenti e scorpori di vani tra unità immobiliari adiacenti consistenti la modifica del perimetro delle singole unità immobiliari.

In questi casi è possibile quindi è possibile sanare il piccolo abuso, attraverso la CILA in sanatoria pagando una sanzione in quanto gli interventi sono già stati eseguiti. La regolarizzazione del nuovo stato dei luoghi potrà però avvenire soltanto laddove gli interventi realizzati siano conformi alla normativa urbanistica e ai regolamenti edilizio e igienico sanitario. I nuovi impianti termici e idraulici eventualmente realizzati dovranno essere dotati di regolare certificazione, dichiarazione di conformità ai sensi della normativa vigente D.M. n. 37/2008

La verifica della legittimità delle preesistenze

Il tecnico incaricato deve verificare, prima della presentazione della CILA in sanatoria, la conformità dell’unità immobiliare all’ultimo progetto edilizio approvato e depositato in Comune, ovvero la legittimità delle preesistenze.

La conformità urbanistica è un presupposto fondamentale, non è possibile infatti intraprendere alcuna attività edilizia su un immobile che presenti difformità rispetto al progetto edilizio approvato.

Generalmente a Roma per gli immobili per cui è stata rilasciata licenza di abitabilità, l’accatastamento utilizzato dal costruttore per la richiesta dell’abitabilità dovrebbe essere, con basse percentuali di errore, conforme al progetto approvato, in ogni caso è sempre preferibile visionare il progetto edilizio per evitare spiacevoli sorprese.

A Roma è possibile consultare il servizio messo a disposizione dal Comune per la ricerca delle abitabilità da cui risalire al progetto approvato e successive varianti.

Quando è possibile utilizzare la CILA in sanatoria?

La CILA in sanatoria può adottarsi nei seguenti casi:

    • Spostamento dei tramezzi interni e delle porte, sempre che non siano su muratura portante;
    • Redistribuzione degli spazi interni quali spostamento del vano cucina in altro ambiente, creazione secondo bagno, ingrandimento del salone ed inglobamento dell’angolo cottura, unificazione di più ambienti o creazione di nuovi;
    • Accorpamento o cessioni di vani tra appartamenti limitrofi. (decreto “sblocca Italia”);
    • Modificazione o nuova installazione di impianti elettrici, idrico sanitari, termici;
    • Creazione di soppalchi non abitabili che non comportino aumento della superficie utile;

Quando non è possibile utilizzare la CILA in sanatoria?

Non è possibile utilizzare la CILA in sanatoria in tutti gli interventi diversi che comportino alterazione della sagoma dell’edificio o modifica dell’aspetto dei prospetti, creazione di finestre, modifica di balconi, cambi di destinazione d’uso, ampliamenti.

Possiamo dire in linea generale che tutti gli interventi diversi dalla manutenzione straordinaria non possono essere intraprese né tantomeno sanati con la CILA in sanatoria.

A tal proposito si consiglia la lettura di questa rapida e semplice guida alle pratiche edilizie in sanatoria elaborata dai nostri tecnici.

Per tali interventi si configura la necessità di ricorrere allo strumento di ordine superiore quale SCIA o DIA in alternativa al Permesso a costruire PdC.

A tal fine è possibile consultare una guida esemplificativa del VII Municipio del Comune di Roma in merito alla fattibilità e sanabilità di diverse casistiche.

Quando è sufficiente un semplice Aggiornamento Planimetria Catastale?

Per poter trasferire un immobile, la planimetria catastale dev’essere conforme allo stato dei luoghi. In mancanza di tale presupposto, la compravendita non può essere finalizzata. Si ricorda che la normativa vigente impone l’aggiornamento catastale dopo la presentazione di qualsiasi pratica edilizia (quali SCIA e CILA).

Quest’obbligo nasce dalla necessità di far coincidere la planimetria in possesso del Comune con quella depositata presso il catasto, il quale, si ricorda, ha carattere meramente fiscale e non probante in termini edilizio-urbanistici. In generale, quindi, non è possibile variare la planimetria catastale senza variare prima quella comunale. Esistono tuttavia delle casistiche per le quali è possibile procedere alla sola variazione catastale.

Queste sono inquadrabili nell’ambito degli errori di rappresentazione quali: imprecisioni che non alterino la distribuzione degli spazi interni, errori nei distacchi e nella posizione dei collegamenti verticali o comunque tutti quegli errori riducibili a difformità tra progetto originale, stato dei luoghi e planimetria catastale in atti. Per questi casi è possibile procedere all’aggiornamento planimetria catastale

Quanto costa il servizio una CILA in sanatoria CASA OK?

Il costo del servizio CASA OK è all inclusive e si compone di :

    1. Pratica edilizia CILA in sanatoria
    1. Variazione catastale con procedura telematica DOCFA
    1. Attestato di prestazione energetica APE
Il costo è di  € 950 finito senza sorprese oltre sanzioni e diritti di istruttoria e reversale catastale:
L’importo delle spese composte da sanzioni, diritti di istruttoria e reversale catastale sono di :
 1-                    SANZIONE : 1.000,00 € in caso di interventi conclusi;
                                                     333,33 € in caso di interventi in corso d’opera.

2-                 DIRITTI DI ISTRUTTORIA :  di 251,24 € nel Comune di Roma;

3 –                REVERSALE CATASTALE :  50 € per ogni unità immobiliare che deve essere modificata.

Richiedi un sopralluogo senza impegno! Il sopralluogo e verifica della conformità sono sempre GRATUITI

I tuoi dati

 

Intervento e requisiti

 

Dati dell'immobile

 

Conferma